Milioni di alberi per le nostre città per fermare i cambiamenti climatici

Il clima in generale è soggetto a mutazione, le cui cause sono molteplici: dalle emissioni di gas ad effetto serra, alla deforestazione fino ai cambiamenti della composizione chimica dell’atmosfera. Tutti questi fattori influenzano il clima del nostro paese, tanto che da alcuni studi è emerso che “L’Italia risulta un Paese vulnerabile ad alluvioni e frane”.

Per questo non possiamo non ricordare quello che è successo lo scorso 15 luglio, quando una bomba d’acqua si è abbattuta a Palermo, facendo cadere sulla città un quantitativo di acqua mai visto da 223 anni, ma soprattutto creando ai cittadini fortissimi disagi e pericoli. Come possiamo comprende i cambiamenti climatici non sono solo un fenomeno globale o qualcosa che non ci appartiene, anzi hanno ricadute a volte disastrose sui nostri territori, sulla salute e sul nostro sistema economico.

Per queste ragioni ho depositato, insieme ad alcuni colleghi del M5S alla Camera, un’interrogazione al Governo, affinché in concerto con gli enti locali, vengano realizzate iniziative che consentano non solo un monitoraggio del sistema climatico che sappia cogliere in tempo reale gli effettivi cambiamenti, ma che sappiano promuovere azioni volte allo sviluppo sostenibile ( anche attraverso la piantumazione di milioni di alberi) e che riconoscano e garantiscano la tutela dell’ambiente come diritto fondamentale dell’individuo e dell’intera collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *