Home

218 articoli

Il naso lungo di Lukashenko

False promesse??? Oggi in Bielorussia il presidente Lukashenko ha promesso che durante l’Assemblea popolare panbielorussa, prevista per l’inizio del 2021, ridistribuirà i poteri dello Stato in maniera equa e giusta. Una promessa che è difficile da credere, soprattutto perché è stato un presidente delle false promesse e della violenza.  In questo periodo alle sue parole gli unici fatti che si sono accompagnati sono state le brutali repressioni e violazioni di ogni diritto civile. Per tale ragione ogni sua dichiarazione se non è accompagnata da fatti concreti volti al riconoscimento dei diritti del proprio popolo non contano nulla. Per questo l’Europa deve continuare a vigilare affinché al popolo bielorusso non vengano più violate le libertà fondamentali da un dittatore crudele come Lukashenko e che ci siano delle nuove elezioni per ridare democrazia e dignità.

Strategia UE per promuovere l’uguaglianza

Oggi in Europa, per la prima volta nella storia, è stata presentata la strategia 2020-2025 per l’uguaglianza delle LGBT. Un significativo passo in avanti nella civiltà del rispetto e del riconoscimento nell’unicità di ognuno di noi. L’obiettivo principale è creare un’Europa dove l’odio e le discriminazioni non siano più accettate, tollerate e giustificate, ma creare una società in cui ognuno può vivere la propria sessualità come meglio crede e senza paura di essere etichettato. La recente approvazione della legge sulla omotransfobia si inserisce in questo solco e l’Italia si conferma avamposto in tema di diritti della libertà, come fu per lunghi anni quando approvò tra le prime la legge che consentiva il cambio di sesso.

Agli Attivisti…

Dopo gli Stati generali del 14 e 15 novembre occorre rilanciare l’azione del M5S con l’entusiasmo dei vecchi attivisti e la passione civica dei nuovi sostenitori. Per far questo occorre dotare questi soldati della militanza civica di strumenti di conoscenza che aumentino la loro capacità di essere punto di riferimento sia nelle battaglie per la conquista di nuovi diritti e sia per la rivoluzione civica e verde della società. Una serie di seminari tematici online li e ci metteranno in condizioni di essere pronti alle nuove sfide.

Per una Bielorussia libera

Con l’associazione Bielorussia in Sicilia siamo andati all’Assemblea Regionale Siciliana per incontrare il Presidente Gianfranco Miccichè. Questo incontro è un modo per fare conoscere la grave situazione in cui versa il popolo bielorusso, privato della libertà di manifestare il proprio dissenso. Il nostro impegno a favore dei diritti umani continua, nei prossimi giorni presenterò una mozione d’aula alla Camera e lo stesso farà l’Assemblea Regionale Siciliana per chiedere sia nuove elezioni e sia la condanna internazionale del dittatore bielorusso Lukashenko. Non è più accettabile che nel XXI secolo ci siano ancora governi che violino le libertà e i diritti dei popoli.

In Bielorussia continuano ad essere violate le libertà

Ho scritto all’Ambasciatore italiano in Bielorussia dopo avere avvisato il nostro Ministro degli Esteri della grave violazione dei diritti umani operata nei confronti di Dulina Natalia Olegovna.Ho invitato la nostra diplomazia ad accertarsi del suo stato di salute e di chiedere la sua liberazione immediata. Di fatto il suo arresto è avvenuto solo per aver espresso delle opinioni e non di certo perchè abbia commesso dei reati.