Governo

32 articoli

Diritti nel fine vita, seminario alla Camera dei Deputati

Nell’udienza dello scorso 25 settembre, nell’ambito del giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 580 del Codice Penale relativo al “caso Cappato”, la Corte Costituzionale si è pronunciata nel senso di ritenere «non punibile, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli». A seguito di tale sentenza, insieme all’Associazione Luca Coscioni per la ricerca scientifica e al Consiglio Nazionale Forense, abbiamo organizzato un Seminario Giuridico dal titolo “Diritti nel fine vita, tra Corte Costituzionale e Parlamento”. Qui il mio intervento: Qui si può rivedere la registrazione dell’evento:

È tempo di cittadinanza!

Oggi pomeriggio ho partecipato al flash-mob organizzato da Italiani senza cittadinanza, il network che si batte da anni per una riforma della legge sulla cittadinanza. È tempo che l’investimento che l’Italia ha fatto, fornendo istruzione e formazione a migliaia di persone, possa essere reso e messo al servizio dello sviluppo del Paese.Queste ragazze e ragazzi, uomini e donne italiane e italiani per cultura acquisita e amore per il nostro Paese, un amore dichiarato e praticato ogni giorno, devono acquisire i diritti e i doveri della cittadinanza, restituendo al Paese che li ha adottati e istruiti capacità e intelligenza.

Cannabis? Basta col fumo negli occhi di Salvini e Meloni!

La reazione scomposta di Lega e Fratelli d’Italia alla notizia che la Presidente del Senato, tradendo la sua neutralità, non ha ammesso l’emendamento sulla canapa industriale, è il segno di un impazzimento e di una mistificazione che continua su ogni tema.Scambiare la vicenda della canapa industriale con la cannabis indica significa imbrogliare, mistificare e gettare fumo negli occhi dei cittadini, con il solo scopo di raccogliere i frutti di una propaganda terroristica su ogni tema, che è l’unica vera ideologia politica che accomuna queste due forze politiche. A chi strumentalmente evoca le comunità di recupero, dico soltanto di leggere o parlare con qualche malato che, grazie ad una buona legge di qualche anno fa apprezzata da medici e pazienti, grazie alla cannabis terapeutica riesce ad alleviare i dolori della propria malattia.Ai senatori che ieri applaudivano la scelta di Casellati dico, insieme ai miei colleghi del M5S, che il loro applauso […]

Cop25 – I negazionisti dell’emergenza climatica, responsabili di un nuovo genocidio

Il fallimento della COP 25 dimostra che la strada per far divenire l’emergenza climatica un’emergenza planetaria è ancora lunga: solo 74 paesi hanno ratificato l’intesa, ma i maggiori responsabili delle immissioni di gas serra, India, Stati Uniti, Russia e Cina, che rappresentano il 55% della produzione di CO2 si sono ancora una volta defilati.Assenze intollerabili che dovrebbero avere come reazione l’elaborazione di un protocollo per l’emergenza che preveda forme di boicottaggio dei paesi negazionisti.Stanno giocando con il futuro dell’umanità, ma sembrano non accorgersene e forse è arrivato il tempo di equiparare il negazionismo in tema di cambiamenti climatici a un attentato al futuro della terra e quindi prevedere che questi paesi possano essere accusati di procurato genocidio.

Le fake news di Salvini sui risparmi, procurato allarme da perseguire

Con l’allarme sul fantomatico imminente saccheggio dei conti correnti degli italiani, Salvini e tutta la marmaglia mediatica che gli tiene bottone e gli fa da megafono sarebbero denunciabili ai sensi dell’articolo 658 del Codice Penale per il reato di procurato allarme.Per l’influenza sullo spread e in generale per il quotidiano clima di sfiducia verso l’Italia diffuso a piene mani, Salvini e i suoi sodali costituiscono ormai un concreto pericolo per la nazione a vantaggio degli speculatori di borsa, altro che “prima gli italiani”!Questo caravan serraglio che tutte le sere trasmette balle a reti unificate, deve allertare le autorità competenti, visto che siamo ben al di là del pur vivace confronto politico, ma siamo di fronte a un quotidiano, manifesto attentato alla tenuta costituzionale del Paese.

Al via la Commissione Regeni

Si è insediata oggi, finalmente, la Commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. con l’elezione del Presidente, dei vicepresidenti e dei segretari. La commissione può adesso iniziare il suo percorso, ma intanto voglio esprimere le mie personali congratulazioni al mio concittadino Erasmo Palazzotto, nominato Presidente della Commissione. Palazzotto, insieme al Presidente Roberto Fico, ha voluto fortemente questa commissione ed è la persona più adatta per guidarla con profitto. Noi saremo al suo fianco per conseguire i risultati, finora mancati, nella ricerca della verità per Giulio Regeni: è un impegno che dobbiamo anche alla famiglia Regeni, quello di fare tutto il possibile e anche un po’ di impossibile per perseguire una verità da troppo tempo nascosta.