Home

154 articoli

Difendere l’agricoltura siciliana per difendere la nostra salute.

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE INDISCRIMINATA DEL COMMERCIO PUÒ DISTRUGGERE L’AGRICOLTURA SICILIANA E LA NOSTRA SALUTE: SERVONO URGENTI MISURE STRUTTURALI A DIFESA DEI PRODUTTORI E DELLA SALUTE DEI CONSUMATORI. Gli agricoltori siciliani che sono scesi in piazza hanno bisogno di risposte concrete che non possono essere limitate a interventi tampone. Servono misure strutturali per mitigare gli effetti nefasti della internazionalizzazione dell’economia. Oggi tanti settori dell’agricoltura della nostra Isola si devono confrontare con Paesi che producono a costi molto più bassi. Il latte di pecora italiano che subisce la concorrenza del latte di pecora rumeno prodotto a costi di gran lunga inferiori è solo uno dei tanti casi.Abbiamo davanti almeno due problemi strettamente legati: uno economico e l’altro legato alla nostra salute. Perché molti dei prodotti agricoli, freschi e trasformati, che arrivano nell’Unione Europea contengono residui di pesticidi e di erbicidi che, da noi, o sono stati banditi perché pericolosi per la salute, o sono utilizzati n modo […]

Interrogazione al Ministro dell’Interno su morte Rocco Greco e interdittive alla ditta COSIAM srl

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE IN ASSEMBLEA Al Ministro degli Interni Per sapere – premesso che – il 27 febbraio 2019, l’imprenditore di Gela (CL) Rocco Greco, simbolo della lotta al racket del pizzo, si è tolto la vita con un colpo di pistola alla tempia; secondo le testimonianze e le dichiarazioni dei familiari, rilasciate nei giorni seguenti, alla base di questo gesto disperato vi sarebbe stato il profondo senso di abbandono da parte dello Stato a cui aveva affidato, dopo le denunce, la protezione sua e dei familiari; «Era finito dentro una storia paradossale», così ha dichiarato il figlio Francesco a La Repubblica. «I mafiosi che aveva fatto condannare lo avevano denunciato. Ma, poi, ovviamente, era arrivata l’assoluzione, il giudice aveva ribadito che Rocco Greco era stato vittima della mafia, non socio in affari dei boss»; nonostante la sentenza di assoluzione, nell’ottobre 2018 il Ministero dell’interno, tramite la prefettura e la struttura di […]

Palermo ancora sommersa dai rifiuti e dalla disinformazione.

Palermo è una città governata nel disprezzo della democrazia. Non si spiega altrimenti, con le cataste di rifiuti nelle strade per giorni ed il conseguente esecrabile ritorno dei cassonetti in fiamme, la totale assenza di informazione ai cittadini da parte della RAP, l’Azienda partecipata dal Comune che dovrebbe occuparsi della raccolta e del trattamento. I vertici della RAP continuano a non adempiere all’obbligo d’informazione, per mezzo della Carta dei Servizi, che per legge dovrebbe essere pubblicata on-line, a disposizione di tutti.La Carta dei servizi è, infatti, il documento con il quale ogni ente che eroga un servizio pubblico assume una serie di impegni verso gli utenti: le modalità di erogazione di tali servizi, gli standard di qualità che intende assicurare e le informazioni relative alle modalità di tutela previste. È previsto anche il monitoraggio per migliorare la qualità dei servizi offerti. Ebbene, di tutto questo, a Palermo, non si ha notizia. Cosa sappiamo, invece?Sappiamo che […]

Vertenza BLUTEC di Termini Imerese: “La società renda nota la rendicontazione dei fondi pubblici spesi”

Il polo automobilistico di Termini Imerese va sostenuto, ma, come ha detto correttamente Luigi Di Maio, prima di stanziare altri fondi pubblici per la Cassa integrazione, dobbiamo capire come siano stati spesi, fino ad oggi, le risorse statali erogate fin qui a Blutec e, soprattutto, quali siano le intenzioni, per il futuro, di questa iniziativa industriale. La Cassa integrazione ha un senso soltanto se un’iniziativa imprenditoriale ha davanti a sé un futuro. Se il gruppo Blutec ha la volontà di proseguire nella produzione a Termini Imerese, ben venga la Cassa integrazione. Però, prima di andare avanti, ci sembra quanto mai opportuno verificare cos’è stato fatto fino ad oggi. E, in particolare, come Blutec ha utilizzato i fondi pubblici erogati dai precedenti Governi nazionali. Prima di andare avanti con la Cassa integrazione, a noi questo sembra il minimo. Esiste una rendicontazione dei fondi pubblici utilizzati in questi anni da Blutec? Sono […]

Dal corpo dei malati, al cuore della politica

In questi giorni di febbraio ricorrono gli anniversari della scomparsa di Eluana Englaro e Luca Coscioni. Luca Coscioni fece del suo corpo uno strumento di lotta politica, per affermare il diritto a vivere liberi fino alla fine. Il “maratoneta” Coscioni tracciò, per primo, la strada per l’affermazione di una ricerca scientifica libera da condizionamenti politici, culturali e religiosi, per primo, insieme a Piergiorgio Welby, portò all’attenzione mondiale il diritto dei malati ad avere una vita ed una morte dignitosa. Il caso di Eluana Englaro, invece, di cui quest’anno cadono i dieci anni dalla morte, costrinse tutti a guardare in faccia una verità scomoda, quella di chi non ha più speranze di guarire e viene sottoposto ad un accanimento che ne prolunga la sofferenza in nome di un malinteso rispetto per la vita. La battaglia di Beppino Englaro, condotta alla luce del sole, senza scorciatoie, che pur in tanti gli suggerivano, […]

GRAZIE A ROUSSEAU PORTIAMO AVANTI DEMOCRAZIA, CHE ALTRI HANNO PERSO

La mia dichiarazione dopo il voto di ieri sul caso Diciotti Roma, 19 feb – “A differenza di altri, il MoVimento 5 Stelle ha ben chiaro il senso del termine ‘democrazia’ e rispetta le decisioni del popolo. Con la votazione di ieri l’abbiamo dimostrato ancora una volta”. Lo dichiara Aldo Penna, portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera.“A chi parla di spaccature o correnti all’interno del MoVimento, evidentemente sfugge proprio questo concetto: noi siamo portavoce dei cittadini, che ieri si sono espressi per vedere realizzata la loro volontà. Non è nient’altro che democrazia, un principio che in tanti, purtroppo, hanno perso e che al contrario noi portiamo avanti anche grazie a Rousseau, che ne garantisce l’esercizio”, conclude Penna.