Fermare la violenza neofascista, difendere la Repubblica nata dalla Resistenza

I saluti romani presenti in abbondanza nella piazza convocata da Meloni e Salvini sono la spia di una destra insorgente che occorre con immediatezza bloccare, prima che prenda coraggio e faccia il salto di qualità verso la violenza.
Facebook ha fatto bene a cancellare account trasudanti odio e violenza, dimostrando il coraggio e la fermezza che chiediamo anche alla nuova ministra degli interni, a partire dalla disposizione di sgombero dell’immobile occupato da Casapound a Roma, oltre ad accertare se ricorrano gli estremi per l’avvio della pratica che conduca allo scioglimento di organizzazioni che esplicitamente si richiamano al fascismo e alla violenza squadrista.
I simboli fascisti, del resto, negli ultimi tempi stanno riacquistando abitudini alla normalità e cittadinanza: occorre fermare e respingere questo processo e fare in modo che la Repubblica nata dall’antifascismo e dalla Resistenza debelli i virus prima che questi la infettino per la seconda volta.
Di fronte agli inquietanti cori inneggianti al Duce stare in silenzio significa accettare come folklore quello che invece è una spia pericolosa di esaltazione del metodo violento, ancor di più se manifestato davanti il Parlamento.

La notizia: https://bit.ly/2kbgwBu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *