Piccoli e grandi imbrogli crescono

Nata sulle macerie, la seconda repubblica si sta disfacendo tra polvere e fumo, polvere da gettare negli occhi e fumo per mascherare i tradimenti. Nel 1993 l’ottanta per cento degli elettori votò per il sistema uninominale anglosassone e ottenne  il Mattarellum, il seme del male che ha prodotto il Porcellum, una legge da regime sovietico adatta a dispensare favori e nominare senatori e deputati fior di intelligenze ma anche cavalli, asini e giumente.


Nello stesso anno eleggemmo con la doppia scheda  sindaci finalmente svincolati dalle tutele dei partiti,  ma due anni dopo una legge bipartisan introdusse  il servaggio della dipendenza dalla coalizione mutando così spirito e anima delle vittorie referendarie.

Nel 1997 il Parlamento approvò una legge sulla semplificazione amministrativa, e immediatamente gli enti locali furono occupati da centinaia di migliaia tra consulenti ed esperti su risibili e spesso discusse motivazioni con esorbitanti costi economici.

Sempre nel 97 si riformò il titolo V della Costituzione per attribuire maggiore competenza a regioni ed  Enti locali ma negli anni successivi tutti i consigli regionali hanno usato la loro autonomia per aumentare il numero dei consiglieri, moltiplicare le province, stabilizzare i supporter dei partiti, sprecare milioni di euro a centinaia.

Il Federalismo fiscale rischia lo stesso percorso: nasce per responsabilizzare la spesa e può trasformarsi in una nuova tassa sul macinato a discapito di chi meno ha.Berlusconi scese in campo come liberale e  ha fatto dell’Italia una satrapia mediorientale.Veltroni e D’Alema dovevano liberarci di Berlusconi, e nessuno riesce più a liberarci da loro.Visco alienò in pochi mesi di governo milioni di voti al centrosinistra, Amato e Veltroni, (sempre lui) vogliono impedire, con le disquisizioni sulla patrimoniale, che ritornino indietro.

Ogni tentativo di riforma e limitazione dell’occupazione partitica è franata. Adesso che a franare sono stati i partiti ridotti a circoli oligarchici o dispostismi personali, è ancora peggio.

L’informazione libera è divenuta la sola vera barriera, ma l’informazione a gettone avanza. Il Cairo e Tunisi sono dall’altra parte del Mediterraneo, ma un buon vento di liberazione potrebbe soffiare anche da questa parte della sponda.

Aldo Penna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *