Apriamo il Parco di Acqua dei Corsari e intitoliamolo a Libero Grassi

Palermo, Parco Acqua dei Corsari

Il solito esempio di denaro pubblico sprecato. Un parco costa 4 milioni di euro, i lavori regolarmente consegnati e l’amministrazione comunale che non incarica nessuno della vigilanza o della manutenzione. Intitolare questo grande polmone verde della Palermo delle sparatorie, degli omicidi a catena, della mafia imperante a LIBERO GRASSI, significa sanare la memoria rinnovandola. Ha il senso del riscatto, dell’affermazione della libertà sulla nera cappa che ha imprigionato Palermo per lunghi decenni e che finalmente inizia a dissolversi.

sabato 17 dicembre alle ore 11 sit davanti ai cancelli del Parco in via Messina Marine

 

scarica il modulo per la diffida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *