Archivi Giornalieri: 23 Maggio 2019

1 articolo

23 Maggio: Contano le azioni, non le parole.

Oggi ho partecipato, come da ventisette anni a questa parte, alla commemorazione della strage mafiosa di Capaci del 23 Maggio 1992 in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Anche quest’anno ho portato un omaggio riconoscente ad un eroe moderno che prima e meglio di tanti, insieme a Paolo Borsellino, ha compreso la pericolosità del progetto eversivo della mafia di corrompere ampi settori della vita pubblica per potersi arricchire in maniera indisturbata.Diceva Falcone: “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.”Oggi, come si può far camminare le idee di Giovanni Falcone sulle nostre gambe, facendo tesoro, dentro e fuori le istituzioni, della sua lezione di acuto e inflessibile nemico di Cosa Nostra?La risposta credo risieda nella capacità di non limitarsi alle rituali, per quanto doverose, commemorazioni, ma in quella piuttosto di trovare nuove forme di iniziativa privata e pubblica, per scovare le nuove forme con cui le mafie agiscono e continuano, sottotraccia, ad inquinare la vita democratica e quella economica del nostro Paese.Il “follow the money” di Falcone è una lezione ancora valida: […]