Antimafia

8 articoli

Un nuovo giardino a Palermo

Alla memoria di Epifanio Li Puma, nell’anniversario della morte per mano mafiosa PALERMO, 3 MARZO – Presso un’area verde degradata di via Epifanio Li Puma al quartiere Sperone, nascerà un giardino dedicato al sindacalista-contadino ucciso dalla mafia nel marzo 1948. Grazie alla donazione dei deputati del M5S Leonardo Aldo Penna e Adriano Varrica e con il contributo del consigliere di circoscrizione Pasquale Tusa, sono stati donati complessivamente venti esemplari di lecci, antiche querce mediterranee, un tempo diffuse in tutta la Sicilia. Alla piantumazione ha partecipato, insieme al Sindaco di Palermo, una delegazione dell’Istituto Di Vittorio guidata dalla preside, Prof.ssa Angela Mirabile e il parroco del quartiere, Don Ugo Di Marzo. «Era mia intenzione da molto tempo – ha dichiarato l’on. Leonardo Aldo Penna – destinare parte dello stipendio da parlamentare alla donazione di alberi per nuove aree verdi in città, con un occhio speciale alle periferie più degradate e abbandonate. […]

Periferie e verde urbano: ci vediamo a Palermo!

Due giornate di incontri e iniziative per il rilancio di Palermo ⭐2 marzo ore 10 – Donazione alberi per istituzione del giardino dedicato alla memoria di “Epifanio Li Puma“, in occasione dell’anniversario del suo assassinio per mano mafiosa (via Li Puma);ore 16 – Il verde a Palermo (clicca qui) ⭐03 Aprile – Stati Generali delle Periferie di Palermo (clicca qui) In preparazione dell’evento, è disponibile un questionario “La città com’è, la città che vorremmo“. Per partecipare, clicca qui.

Conoscere la canapa

Un incontro-dibattito per saperne di più e confrontarci sulla canapa, una pianta da alcuni giudicata diabolica e invece risposta medica e curativa, oltre che intelligente, al criminale controllo del mercato da parte della mafia. La canapa non merita di essere demonizzata e su questa pianta multiforme, dagli svariati utilizzi nel contesto contemporaneo, si è svolto giovedi un importante momento di confronto, promosso dal Movimento 5 Stelle e ospitato nella “Real Fonderia” alla Cala di Palermo. Ad intervenire, il deputato nazionale Aldo Penna, i deputati regionali Stefania Campo e Luigi Sunseri, Gaetano D’Amico e Alberto Mangano del comitato “Esistono i Diritti” e il dottor Vincenzo Francomano. Il nostro augurio è che nei prossimi mesi la cannabis smetta di essere demonizzata e cominci a essere una pianta multiforme da cui estrarre medicine utili a tante patologie. Inoltre, che possa contribuire ad accelerare il percorso verso la green society e che possa essere […]

30 anni senza Sciascia

Il 20 novembre del 1989, trent’anni fa, ci lasciava Leonardo Sciascia, lo scrittore siciliano che ha fatto della scrittura una potente arma di lotta politica.Partendo dai suoi romanzi, ha sempre individuato e denunciato collusioni e compromissioni; nella sua attività pubblicistica ha descritto le pericolose figure degli “anti” di professione che hanno costruito e costruiscono carriere, indossando uniformi e inventandosi ogni giorno un nemico diverso che li rafforzi: indifferenti alla loro sconfitta, questi professionisti cambiano solo campo d’azione, ma operano costantemente per accrescere solo il loro prestigio e per dissimulare la loro propria natura.Sciascia fu anche deputato dell’VIII legislatura e da questi scranni seppe dare il suo prezioso contributo contro ogni comodo conformismo, sempre alla ricerca della verità, sempre coltivando il dubbio della ragione.Leggere e rileggere la sua opera, oggi più attuale che mai, è un potente antidoto a ogni ipocrita conformismo, è un portolano sicuro per tempi difficili, come i nostri.

I beni confiscati alla mafia a vantaggio dei cittadini

7 novembre 2019 – Ultimo appuntamento degli incontri di #AutunnoInMoVimento, la sala delle Carrozze di Villa Niscemi a Palermo ha ospitato l’incontro «La gestione trasparente ed efficiente dei beni confiscati alla mafia a vantaggio dei cittadini e delle comunità locali» con gli interventi di: Leonardo Aldo Penna, deputato M5S;Piera Aiello, deputata M5S, Commissione Antimafia;Francesco Danese, segretario generale Filca Cisl Palermo e Trapani;Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo;Filippo Parrino, presidente di Legacoop Sicilia;Virgilio Bellomo, Amministratore Giudiziario;Tano Grasso, Presidente onorario Federazione Antiracket Italiana. In Sicilia vi è il record di patrimoni confiscati alla mafia, tuttavia sull’uso sociale di questi beni nel recente passato si è stagliata pesante l’ombra dell’interesse di chi era preposto alla vigilanza e alla tutela. Occorre arrivare, anche innovando gli strumenti legislativi, a garantire una gestione trasparente e democratica dei beni che la mafia ha sottratto al popolo siciliano, prevedendo da un lato un diffuso uso sociale e […]

Il 25 settembre

Il 25 settembre di quarant’anni, a Palermo, fa la mafia uccise con un agguato di tipo militare il giudice Cesare Terranova e il maresciallo di pubblica sicurezza, Lenin Mancuso. La mafia arrembante di quegli anni non sopportava ostacoli sul suo cammino e quando non riusciva a rimuoverli con la tecnica del “promuovere per rimuovere” li spazzava via con l’omicidio. Stessa tecnica e con eguali motivazioni, l’agguato compiuto lo stesso giorno di qualche anno dopo, contro il giudice Antonino Saetta che causò anche la morte del figlio Stefano che lo accompagnava. In quegli anni la mafia era abituata a giudici compiacenti che, specialmente in Cassazione (vedi il caso di Carnevale), cancellavano le condanne che i tribunali e le Corti d’Assise comminavano ai boss mafiosi. La cupola non sopportò che un giudice resistesse alle pressioni e li condannasse a decenni di carcere e ad alcuni ergastoli, così, ancora una volta, lungo una […]