2 Agosto 1980: Strage di Bologna

Il 2 agosto di 40 anni fa mi trovavo a Piana degli Albanesi, una piccola cittadina nei dintorni di Palermo, teatro dell’eccidio di decine di contadini ad opera della banda Giuliano. Avevamo appena lasciato quei luoghi pieni di memoria e mentre stavo rientrando in paese, la radio diede una terribile notizia: una bomba era esplosa alla stazione di Bologna. Ci furono decine di vittime dilaniate dall’esplosione e altre finite sotto le macerie.
Oggi ricorre il 40° anniversario di quellla strage. Il 2 agosto del 1980 una bomba esplose nella sala d’attesa della stazione, uccidendo 85 persone. Una delle pagine più oscure della storia del nostro Paese. Una carneficina senza precedenti, al sangue delle vittime innocenti si mescola la tragedia di una verità che ancora non convince del tutto. I mandanti dell’attentato non sono mai stati chiariti e ancora oggi dopo 40 anni dalla strage quello che è realmente accaduto rimane un mistero non solo per i familiari delle vittime ma per tutti gli italiani. Riuscire a togliere quelle macchie del passato significherebbe fare i conti con quelle forze oscure che hanno tentato di rubare le nostre libertà e vaccinarsi attraverso la conoscenza contro i nuovi pericoli che sono sempre in agguato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *